Hai adeguato nel modo corretto il tuo sito al nuovo regolamento GDPR?

Il Gdpr, ovvero General data protection regulation, il regolamento generale sulla protezione dei dati, è stato formalizzato con il regolamento UE 2016/679. Queste nuove regole hanno cambiato totalmente le modalità di trattamento dei dati personali al fine di tutelare maggiormente i cittadini che si trovano nei confini dell’Unione Europea. Qualora un portale non risulti adeguato in maniera corretta al Gdpr, può andare incontro a sanzioni davvero molto dure. Si tratta di multe che arrivano fino a circa 20 milioni di euro e possono anche essere personalizzate andando ad incidere fino al 4% del fatturato dell’anno precedente. Il regolamento sui dati personali, deve essere seguito alla lettera ed è fondamentale comprendere se il vostro sito è stato strutturato in modo da rispettare tutti quelli che sono i criteri delle nuove norme.

Come creare una privacy policy

Tutti i siti devono avere una privacy policy, in cui viene spiegato perché i dati vengono raccolti all’interno del sito, da chi vengono trattati, da chi vengono raccolti, come vengono ottenuti, come vengono conservati, se saranno ceduti a terzi e a quali condizioni. Tutto deve essere ben specificato, comprese le informazioni sui dati personali e sulla loro elaborazione. Il Gdpr non solo si rifà ai dati personali, ma anche quelli combinati dei singoli utenti. Preparare la propria privacy policy non è particolarmente complicato infatti esistono numerosi programmi che permettono di strutturare un modello personalizzabile in base alle esigenze del proprio sito. In alternativa potreste optare di investire del denaro affidandovi alla consulenza di un esperto del settore, avvocato o commercialista.

Altre procedure da svolgere per il rispetto del Gdpr

Quando si ristruttura il proprio portale sulla base di quelli che sono i regolamenti del Gdpr, occorre effettuare una revisione di tutte le pagine che contengono form e informazioni presenti nel sito internet. In tutte queste pagine devono apparire i campi dedicati ai consensi predisponendo opportuni codici affinché l’utente possa spuntare la casella del consenso al trattamento dei dati personali. Questa casella non potrà essere compilata precedentemente ma dovrà necessariamente essere barrata dal nuovo utente del servizio al momento in cui deciderà di accettare le condizioni proposte.

Gdpr e piattaforma data logging

Da uno studio condotto da Accenture Security and Oxford Economics sull’indice di sicurezza informatica registrato in diversi stati è emerso che il punteggio totalizzato dai paesi UE risulta inferiore a quello di economie extra UE come Stati Uniti, Giappone, Brasile ed altre.

È evidente che siano stati questi risultati a spingere l’Unione Europea a muoversi nell’ambito di un nuovo regolamento che, superando le normative interne dei singoli paesi, ha armonizzato la lotta al cyber crime in tutta la comunità. Le nuove regole Gdpr obbligano anche i siti web a possedere un database in grado di garantire la gestione e la cancellazione dei dati personali. Inoltre, è necessario predisporre un software in grado di verificare i dati degli utenti ed emettere una notifica immediata in caso di una loro violazione. Sicuramente le nuove norme Gdpr segnano un passo avanti per risolvere definitivamente la problematica sul trattamento dei dati personali. Il Gdpr del resto, nasce proprio con lo scopo di tutelare maggiormente quelli che sono i dati personali che vengono lavorati in rete.

 

Ottieni Subito Visibilità e Ottieni Nuovi Clienti
Progettiamo e Sviluppiamo per te Attività Digitali di Successo
Chiama +39 0621127851